Tracce per la soluzione del caso - classi varie

CASO MSMFSV004

Un'impresa, avendo l'incarico di effettuare il trasporto in cisterna del prodotto BENZENE, ha l'esigenza di acquistare un nuovo automezzo da adibire a tale servizio tenendo conto che detto trasporto avverrà con modalità strada.

Indicare:

a) La classificazione ADR della merce;

N°ONU
Denominazione tecnica Classe Codice di classificazione
1114  BENZENE 3 F1

b) Le principali caratteristiche tecniche dell'automezzo (trattore+semirimorchiocisterna);
Vedi tabella 3.2A , colonne 12 e 14 e sezioni 9.1.1 e 9.1.2.

Automezzo (vedi sezioni 9.1.1.2/9.2.1):
Veicolo di tipo FL: un veicolo destinato al trasporto di liquidi che hanno un punto d’infiammabilità che non supera 60°C (eccetto i carburanti diesel che soddisfano la norma EN 590:2004, il gasolio e l'olio da riscaldamento (leggero) - N° ONU 1202 - aventi un punto d’infiammabilità specificato nella norma EN 590:1993) in cisterne fisse o smontabili di capacità superiore a 1 m³ o in contenitori-cisterna o cisterne mobili ognuno dei quali di capacità superiore a 3 m³.

Caratteristiche tecniche:
- sezione 9.2.2 (equipaggiamento elettrico);
- sezione 9.2.3 (dispositivi di frenatura);
- sezione 9.2.4 (prevenzione di rischi d’incendio);
- sezione 9.2.5 (dispositivo limitatore di velocità).

Semirimorchio-cisterna (vedi sezione 4.3):
Codice Cisterna LGBF:
L = cisterna per materie allo stato liquido (materie liquide o materie solide presentate al trasporto allo stato fuso);
G = pressione minima di calcolo secondo le disposizioni generali del 6.8.2.1.14; o 1,5; 2,65; 4; 10; 15 o 21 = pressione minima di calcolo in bar (vedere 6.8.2.1.14)
B = cisterna con aperture di riempimento o di svuotamento in basso con 3 chiusure;
F = cisterna con dispositivo d'aerazione munito di un dispositivo di protezione contro la propagazione della fiamma secondo 6.8.2.2.6; o cisterna resistente alla pressione generata da un'esplosione.

c) La segnalazione dell'unità di trasporto;
Vedi tabella 3.2A, colonne 5 e 20.
Sulle fiancate e posteriormente devono essere applicati i modelli di etichetta n. 3.


Anteriormente e posteriormente deve essere apposta la segnalazione arancione con numero di identificazione del pericolo 33 e il N° ONU 1114.


d) Le attrezzature di sicurezza a bordo dell'unità di trasporto;
Mezzi di estinzione incendio (vedi sezione 8.1.4):
- 1 estintore portatile (classi A, B e C) con una capacità minima di 2 kg di polvere (o di capacità equivalente per un altro idoneo agente estinguente).

1) M (massa complessiva unità di trasporto) ≤ 3,5 t
- 1 o più estintori portatili (classi A, B e C) con una capacità minima totale di 4 kg di polvere (o di capacità equivalente per un altro idoneo agente estinguente).

2) 3,5 t < M (massa complessiva unità di trasporto) ≤ 7,5 t
- 1 o più estintori portatili (classi A, B e C) con una capacità minima totale di 8 kg di polvere (o di capacità equivalente per un altro idoneo agente estinguente).

3) M (massa complessiva unità di trasporto) ≥ 7,5 t
- 1 o più estintori portatili (classi A, B e C) con una capacità minima totale di 12 kg di polvere (o di capacità equivalente per un altro idoneo agente estinguente).

Equipaggiamenti diversi (vedi sezione 8.1.5:
- 1 ceppo, di dimensioni adeguate al peso del veicolo ed al diametro delle ruote;
- 2 segnali d'avvertimento autoportanti (per esempio coni o triangoli riflettenti o lampade lampeggianti arancione indipendenti dall'impianto elettrico del veicolo);
- liquido lavaocchi;
- imbracatura o vestito fluorescente appropriato (es. EN 471) per ogni membro dell'equipaggio del veicolo;
- lampada portatile conforme alle disposizioni della sezione 8.3.4;
- guanti di protezione;
- mezzo di protezione degli occhi (per esempio occhiali protettivi);
- attrezzatura necessaria per adottare le misure supplementari e/o speciali indicate nelle istruzioni scritte.

e) I documenti previsti dall'ADR che devono accompagnare il trasporto;
Per il trasporto sono richiesti i seguenti documenti:
- documento di trasporto;
- patente del conducente;
- CFP (certificato di formazione professionale base + specializzazione cisterna) del conducente;
- istruzioni scritte (vedi sezione 5.4.3) in una lingua comprensibile da parte del conducente (vedi sezione 5.4.3.3);
- certificato di approvazione del veicolo (sezione 9.1.3).

f) Il grado di riempimento della cisterna (assumendo il coefficiente di dilatazione cubica 0,001 e la temperatura di carico 15°C);
Per UN 1114, nella tabella 3.2A, colonna 12, compare il codice: LGBF.
Vedi sezione 4.3.2.2.
Per le materie infiammabili che non presentino altri pericoli (per esempio tossicità, corrosività), caricate in cisterne provviste di un dispositivo di aerazione, o di valvole di sicurezza (anche se precedute da un disco di rottura):

grado di riempimento = 100 / (1 + a * (50 - tf)) % della capacità

essendo a = 0,001 e la temperatura media di carico tf = 15°C

=> grado di riempimento = 100 /(1 + 0,001 * (50 - 15) = 100 / (1 + 0,001 * 35) = 100 / 1,035 = 96,6

=> grado di riempimento = 96,6 % della capacità

g) Le condizioni alle quali deve circolare il veicolo cisterna vuoto non bonificato per ciò che attiene documentazione e segnalazione.
Per quanto concerne la documentazione, il documento di trasporto deve contenere la seguente dicitura (sezione 5.4.1.1.6.2.2):
VEICOLO CISTERNA VUOTO, ULTIMA MERCE CARICATA: UN 1114 BENZENE, 3, II (D/E)

Sono inoltre richiesti i seguenti documenti:
- patente del conducente;
- CFP (certificato di formazione professionale base + specializzazione cisterna) del conducente;
- istruzioni scritte (vedi sezione 5.4.3) in una lingua comprensibile da parte del conducente (vedi sezione 5.4.3.3);
- certificato di approvazione del veicolo (sezione 9.1.3).

La segnalazione deve essere lasciata come se il veicolo cisterna fosse pieno.
Sulle fiancate e posteriormente, i modelli di etichetta n. 3.


Anteriormente e posteriormente, la segnalazione arancione con numero di identificazione del pericolo 33 e il N° ONU 1114.


h) Indicare eventuali restrizioni per la spedizione via strada.
Per quanto riguarda il trasporto in cisterna, per UN 1114, il passaggio è vietato nelle gallerie di categoria D e E.

CASO MSSV049

Un'impresa deve progettare il confezionamento di materiale infettivo per l'uomo, classe 6.2., codice di classificazione I1, stabilire l'imballaggio più idoneo, indicando:

a) il tipo di imballaggio.
La classificazione ADR (vedi sezione 2.2.62.3) del materiale è:

N°ONU
Denominazione tecnica Classe Codice di classificazione
2814  MATERIE INFETTANTI PER L'UOMO 6.2 I1

per la scelta del tipo di imballaggio nella tabella 3.2A (colonna 8) compare l’istruzione d’imballaggio P620 (vedi sezione 4.1.4.1).
Di seguito gli imballaggi consentiti.
1) Imballaggi interni comprendenti:
i) uno o più recipienti primari a tenuta;
ii) un imballaggio secondario a tenuta;
iii) salvo il caso di materie infettanti solide, un materiale assorbente, in quantità sufficiente per assorbire la totalità del contenuto, sistemato tra il o i recipienti primari e l'imballaggio secondario: se più recipienti primari sono messi in un imballaggio secondario semplice, essi devono essere avvolti individualmente o separati per evitare ogni contatto tra loro.
2) Un imballaggio esterno rigido sufficientemente resistente, in funzione della sua capacità, della sua massa e dell'uso al quale è destinato, la cui più piccola dimensione esterna non deve essere inferiore a 100 mm.
Esistono ulteriori disposizioni supplementari.

b) Le prove a cui il prototipo dell’imballaggio deve essere sottoposto.
Vedi sezione 6.3.
Se si considera ad esempio un imballaggio esterno di cartone, un imballaggio interno di plastica senza uso di ghiaccio secco le prove sono le seguenti:
- aspersione con acqua per simulazione di pioggia, condizionamento a –18°C per 24 ore (vedi sezione 6.3.2.5 b) e c));
- caduta barra d’acciaio e caduta su barra d’acciaio(vedi sezione 6.3.2.6 a) e b)).

c) Le iscrizioni e le etichette da apporre sul collo.
Vedi capitolo 5.2.

Iscrizione Etichettatura
UN2814
Modello 6.2

I colli devono portare inoltre tutte le altre etichette richieste dalla natura del contenuto.

d) La possibilità di effettuare un imballaggio in comune con altre merci pericolose ADR.
L’imballaggio in comune è regolato dall’istruzione d’imballaggio in comune MP5 (vedi sezione 4.1.10.4): “Le materie dei N° ONU 2814 e 2900 possono essere imballate in comune in un imballaggio combinato conformemente all'istruzione di imballaggio P620. Esse non devono essere imballate in comune con altre merci.”

e) La possibilità e le eventuali condizioni per usufruire delle esenzioni delle quantità limitate per unità di collo (v. Capitolo 3.4).
Vedi tabella 3.2A colonna 7=> LQ0.
Vedi tabella 3.4.6 => nessuna possibilità.

f) Il veicolo idoneo al suo trasporto;
Non è richiesto un particolare tipo di veicolo.

g) La segnalazione di detto veicolo.
Sul veicolo, essendo un trasporto in colli, deve essere apposta, anteriormente e posteriormente, la seguente segnalazione arancio:


CASO MSSV050

Un preparato solido, contenente una sostanza con valore di tossicità inalatoria delle polveri (LC50/1h) inferiore a 0,5 mg/l, non tossica per ingestione e neppure per contatto cutaneo, ed un'altra sostanza in grado di provocare necrosi della pelle nel periodo di osservazione di 14 giorni a seguito di un tempo di contatto di 120 minuti, deve essere trasportato su strada da Milano a Genova per essere imbarcato su una nave con destinazione Algeria.

Specificare:

a) la classificazione ADR.
La classificazione delle sostanze:
- sostanza 1: classe 6.1, I ( vedi sezione 2.2.61.1.7);
- sostanza 2: classe 8 , III (vedi sezione 2.2.8.1.5).
Per valutare il preparato si applica la sezione 2.1.3.5.3, punto h):
il preparato appartiene alla classe 8, gruppo d’imballaggio I.
Nel caso di miscela solida è possibile assegnare il seguente N° ONU:

N°ONU
Denominazione tecnica Classe Codice di classificazione
1759 SOLIDO CORROSIVO, N.A.S. 8 C10

b) L’integrazione da riportare sul documento di trasporto oltre a quanto già prescritto in 5.4.1.1.1.
“Trasporto secondo 1.1.4.2” ( vedi sezione 5.4.1.1.7)

c) Gli imballaggi utilizzabili.
Nella tabella 3.2A (colonna 8) compare l’istruzione d’imballaggio P002 (vedi sezione 4.1.4.1) che elenca gli imballaggi utilizzabili.
Esempio: fusti in acciaio con parte superiore amovibile.

d) Gli eventuali imballaggi vietati.
Tutti quelli non previsti nell’istruzione d’imballaggio P002.

e) Le condizioni, se ve ne sono, affinché il trasporto su strada possa essere effettuato con conducente privo del Certificato di Formazione Professionale ADR.
Nella tabella 3.2A (colonna 7) compare LQ0, quindi l’esenzione ai sensi della sezione 1.1.3.4 (merci pericolose imballate in quantità limitate) non è applicabile.
Dalla tabella 3.2A (colonna 15) si evince che il preparato appartiene alla “categoria di trasporto 1” nel caso di trasporto di una quantità netta inferiore a 20 kg (vedi tabella 1.1.3.6) è applicabile l’esenzione ai sensi della sezione 1.1.3.6 (quantità trasportate per unità di trasporto).